Articoli

Grecia: Creta

Settembre 2019

Quest’anno che sono a casa dal lavoro in maternità abbiamo deciso di andare in vacanza a settembre… Prezzi più bassi, meno persone… Dovrebbe essere così no?
Vi saprò dire a fine vacanza 😉
Partenza in aereo alle 6 di mattina che é una pacchia perché hai davanti tutto il primo giorno di vacanze pieno, volo tranquillo e sonnecchiante.
Arrivati! E’ estate 😎
A casa eravamo già proiettati nell’autunno…
Ritirati i bagagli, ci rechiamo allo sportello della Hertz a prendere la macchina che abbiamo noleggiato, playlist Spotify Rock legends e via verso Kissamos, dove ci aspetta il Kastelli View.
Il cielo é blu e Robert Plant ci canta Whole lotta love… Un ottimo inizio di giornata 😊
2 ore e mezza di strada ci portano a Kissamos, ad aspettarci al Kastelli View c’é un signore gentile che nel farci vedere l’appartamento ci lascia in omaggio acqua, fanta, uva (senza semi evvivaaaa) e pesche.
L’appartamento é bellissimo!! Due camere da letto, una cucina con sala, due bagni e il balcone per mangiare all’aperto. Gli arredi sono nuovi e profuma di pulito..
Ci rendiamo conto subito che é in una posizione strategica, a piedi si raggiungono il centro, un grosso supermercato (vendono il succo di frutta alla banana che a casa non si trova più!) e la spiaggia libera.
Libera in tutti i sensi, essendo fine settembre…

Falassarna

Il vento di oggi non rende sicuramente giustizia a questa bellissima e chilometrica spiaggia di sabbia e acqua azzurro/blu distante un quarto d’ora dal nostro appartamento.
La temperatura è fantastica e mentre da casa ci dicono che hanno tirato fuori copertine e pantaloni lunghi, noi siamo in ammollo in quest’acqua trasparente… 🤩

Chania

Quando abbiamo alzato le tapparelle e visto che c’era troppo vento freddo per stare in spiaggia, abbiamo deciso di fare un giro a Chania, che dista 40 minuti di macchina dal nostro appartamento.
Ci appare fin da subito come un gioiellino ben curato, le viuzze sono colorate e piene di negozietti.
Prima di prenotare eravamo indecisi se scegliere tra Chania e Kissamos, ora che le abbiamo viste entrambe siamo contenti di aver scelto Kissamos, sicuramente meno curata e più spoglia, ma più tranquilla e soprattutto é una base più vicina alle spiagge che ci interessa vedere.
Il terzo giorno il sole splende, proviamo a tornare a Falassarna….

Lo spettacolo é pazzesco, ma anche oggi, una volta arrivati in spiaggia, ci rendiamo conto che il vento é veramente troppo forte per rimanere (ci sono delle raffiche così forti che la sabbia punge come mille aghi), così decidiamo di tornare a Chania e vedere la parte non visitata il giorno prima.
Questa città ci piace veramente molto!

Pranzo al Mesostrato, posticino molto caratteristico e cucina ottima!
Come farò a casa senza la moussaka?!

Elafonissi
Un’ora e dieci minuti di macchina attraverso paesini che ricordano il sud Italia degli anni 5o, ci portano alla spiaggia di Elafonissi.
Per la descrizione lascio parlare come sempre le foto…
Noi siamo rimasti senza parole!

La sabbia é davvero rosa!

Maria Beach

Vento caldo oggi e spiaggetta di Kissamos a cinque minuti da casa..
Siamo rimasti fino a tardi anche se a un certo punto si é rannuvolato perché si stava troppo bene…

Al nostro rientro a casa troviamo sempre ad attenderci un bellissimo gattino 😻



Gramvousa

Al porto di Kissamos (5 minuti in macchina da casa nostra) prendiamo i biglietti per andare a Balos in barca.
L’alternativa, avevamo letto su vari blog, era di arrivarci in macchina ma il signore che ci ha noleggiato l’auto ce l’ha caldamente sconsigliato visto il percorso molto accidentato che avrebbe potuto danneggiare la carrozzeria, in più l’ultima mezz’ora sarebbe stata a piedi su un sentiero non proprio comodo…
Quindi abbiamo optato per la barca che però vende solo il pacchetto Gramvousa + Balos.
Certo la scomodità della barca é legata agli orari che sono da rispettare, ma per il resto é la soluzione ideale per noi.

Prima tappa all’isola di Gramvousa dopo un’ora e mezza di viaggio. Veramente molto suggestiva, castello veneziano sulla scogliera, acqua cristallina dalle mille sfumature di blu e il relitto di una nave pirata che ha affascinato moltissimo Nicolò…

Balos
Risaliti sulla nave, dopo 20 minuti arriviamo a Balos.
Capiamo fin da subito perché questa, oltre che essere una delle spiagge più belle di Creta, é conosciuta anche come una delle spiagge più belle del mondo…

Rimaniamo qui due ore e mezza, poi la nave ci riporta al porto di Kissamos. Davvero una giornata bellissima!!

Rethymno

L’ultimo giorno ci fermiamo in questo caratteristico paesino sulla strada per l’aeroporto di Heraklion.
Viuzze colorate, murales, la fortezza veneziana e il cielo super blu hanno reso questa tappa molto piacevole…

Andiamo verso l’aeroporto…e come sempre già sogniamo il prossimo viaggio…

Ps. Ah! E per rispondere alla domanda iniziale, SI! Vacanze a settembre decisamente promosse!

Sardegna: San Teodoro

Giugno 2018

Sardegna tanto cara, eccoci qua!
Stavolta abbiamo scelto il nord est, San Teodoro.
Il viaggio in traghetto notturno ci ha permesso di arrivare alla spiaggia La cinta alle 7.30 di mattina, completamente deserta…un paradiso!
Come sempre, scegliamo come base un appartamento per poi spostarci nei giorni successivi e vedere più posti diversi possibili (in questo caso, essendo venuti in traghetto, avevamo la nostra macchina).
La base a San Teodoro è il residence Le zagare.
Molto molto bello!
Casetta con cucina, due camere da letto, bagno, portico e giardinetto privato 🙂



Le spiagge

Le farfalle Capocoda cavallo

L

Si parcheggia la macchina in un parcheggio deserto e non a pagamento (suppongo non a luglio e ad agosto), si cammina qualche minuto (lungo il tragitto c’è un piccolo baretto) e si arriva in questa piccola e graziosissima spiaggia libera.

Cala Brandinchi

Che dire… sabbia bianca, acqua dalle mille sfumature a seconda dei colori del cielo… ci siamo tornati due volte!
Parcheggio e camminata di qualche minuto fattibile anche con il passeggino, e spiaggia sia libera che attrezzata.
Meravigliosa!

Porto Istana

Non servono descrizioni no?
Parcheggio giornaliero, camminata di qualche minuto e spiaggia libera o attrezzata a vostra disposizione…acqua spettacolare!

Isuledda

Parcheggio gratuito e deserto (suppongo sempre le magie di giugno), piccola camminata in discesa (percorso non proprio pianeggiante, non fattibile con il passeggino).
In questa spiaggia abbiamo inaugurato la nuovissima tenda 2 seconds Decathlon, comodissima per i bambini soprattutto nelle spiagge molto ventose! E una volta ripiegata (quando si impara a farlo), è leggerissima e facilmente trasportabile a tracolla.
Nicolò ci si è fatto delle gran dormite al riparo da sole, sabbia e aria…stra consigliata!
Cosi come la spiaggia, molto intima (libera, no bar).

Cala Gircolu

Da questa spiaggia, è partito il nostro piccolo tour in pedalò, sognando di essere i proprietari di quelle villette mozzafiato in mezzo all’acqua cristallina…
con quelle vetrate grandissime…
Cosa deve essere svegliarsi di fronte al mare?!

Lu Impostu

Lu Impostu

La nostra seconda spiaggia preferita in cui siamo tornati due volte!
Parcheggio giornaliero e spiaggia sia libera che attrezzata in questo angolo di paradiso…

Escursione su Motonave Imperatrice

La motonave Imperatrice parte dal porto di La Caletta, a mezz’ora di macchina da San Teodoro, e sosta in tre stupende spiagge del Golfo di Orosei: Cala Luna, Cala Sisine e Cala Mariolu.
Noi abbiamo scelto questa soluzione perché avevamo letto che con un bambino queste spiagge non sono cosi facilmente accessibili, e ci siamo trovati molto bene!
In ognuna di queste, la nave sosta circa tre quarti d’ora, il tempo necessario per innamorarsi e non voler più tornare a casa!

Cala Luna

Cala Sisine

Cala Mariolu

Grati di tutte le meraviglie viste e del Paese stupendo in cui viviamo, torniamo a casa…a progettare il prossimo viaggio!

Sicilia: Trapani e dintorni

 

Giugno 2017

Primo aereo per Nicolò!
L’idea di salirci a me non allettava molto, anzi diciamo pure per niente, fino all’anno scorso, in cui ho deciso di partecipare a un corso organizzato da Air Dolomiti per vincere la paura di volare.
Trovato su internet digitando proprio “paura di volare”, si tratta di due giorni di full immersion con psicologa, hostess, pilota di aereo e volo finale Verona – Monaco in giornata.
Lo consiglio a tutti quelli che come me sceglievano solo mete vicine per evitare di dover andare in aeroporto!
Non posso dire che sia diventato il mio mezzo preferito, né credo mai lo diventerà, ma ho imparato a gestire la paura e il volo per le nostre vacanze in Sicilia sarebbe stato il test per capire se il corso aveva funzionato o meno…
Nicolò aveva una gran voglia di salirci, e anche questo mi ha decisamente aiutato ad affrontare la partenza con l’ansia pressoché azzerata.
Il viaggio è andato benissimo, commentare insieme a Nicolò ogni cosa per lui nuova è stato altro motivo di rilassamento e mi ha distolto dai pensieri negativi; vederlo felice mi ha rasserenata, e in un attimo eravamo arrivati a Trapani.

Ritirata la macchina a noleggio all’aeroporto, arriviamo al Bite Bike & Kite accommodations, dove avevamo prenotato l’appartamento King of the air, con vista sul mare.
I proprietari sono due ragazzi squisiti, sempre disponibili a dare informazioni utili sugli spostamenti, e il residence è favoloso.
L’appartamento era pulito, ordinato, essenziale e moderno come piace a noi, e gli spazi esterni ampi, con la possibilità di poter cenare in giardino e cucinare al barbecue.
Decisamente consigliato anche agli sportivi, perché il residence offre box per kitesurf, biciclette, ecc… e, cosa che noi abbiamo apprezzato molto, noleggio gratuito di ombrellone e giochi per la spiaggia, tutte cose che noi in aereo non eravamo riusciti ovviamente a portare.
Come già dicevo l’anno scorso, scegliamo sempre appartamenti vicini ad una spiaggia attrezzata; ora che Nicolò è piccolo e dorme ancora tanto, per noi è più funzionale così, perché un po’ giriamo alla scoperta di nuovi posti, e un po’ stiamo vicino a casa nei giorni in cui lui dorme di più.

Sul lungomare di fronte al nostro appartamento ci sono molti stabilimenti balneari, e noi abbiamo scelto il Sun club.
Viste e attenzioni del personale neanche lontanamente paragonabili all’efficienza dei bagnini della riviera romagnola, ma mare strepitoso e ottima cucina.
Al Sun club abbiamo mangiato veramente bene… busiate (pasta tipica trapanese) ai gamberi rossi di Mazara e pistacchi di Bronte, caponata di melanzane e pesce spada agli agrumi, dieci e lode.


Baia Santa Margherita

Trovata per caso sulla strada per San Vito lo Capo, Baia Santa Margherita ci ha rapito per i suoi colori e la tranquillità del posto.
C’è anche la possibilità di salire su un trenino gratuito che parte dal parcheggio e percorre tutta la scogliera, fermandosi nelle varie calette verso la riserva naturale del monte Cofano.

 

San Vito lo Capo

Avremmo voluto vedere la Riserva dello Zingaro, ma con il passeggino è impraticabile, e anche se avessimo avuto il marsupio, sarebbe stato in ogni caso infattibile per noi, che quando giriamo per spiagge libere ci portiamo ombrellone e giochi…
Escursione rimandata a quando Nicolò sarà più grande!
A San Vito lo Capo abbiamo scelto il parcheggio giornaliero a 8 euro e siamo stati in spiaggia (mare stupendo ma niente di diverso rispetto agli altri posti che abbiamo visto, anzi tra l’altro è stata la spiaggia meno confortevole perché più affollata…non oso immaginare ad agosto!).
A pranzo siamo capitati per caso in un posto super, il ristorante Profumi di cous cous, dove abbiamo mangiato veramente divinamente! Cous cous ottimo (e meno male visto il nome…).

 

Erice

Erice è un graziosissimo borgo sul monte a circa 700 metri, tutto fatto da viuzze di ciottoli (scivolosissimi, portare scarpe comode!), chiese e un duomo, bellissimi.
Qui, al Rifugio di Enea, ho finalmente assaggiato il pane cunzatu di cui avevo tanto sentito parlare… pane, pomodoro, formaggio, olio, sale e acciughe.
Lo voglio adesso!

 

Trapani

Trapani l’abbiamo sempre vista solo di sera, e ci è piaciuta veramente molto.
Sosta d’obbligo alla pasticceria Colicchia per una cassata, un cannolo siciliano e una granita alla mandorla, e poi via a salutare la pecora di cui si è innamorato Nicolò sulla porta del Duomo!

 

Favignana

Parcheggiamo la macchina in piazzale Ilio e dopo un quarto d’ora di camminata arriviamo al porto di Trapani dove ci aspetta l’aliscafo per Favignana.
Al nostro arrivo, troviamo subito la possibilità di noleggiare macchina, scooter o bici.
Noi scegliamo due bici, di cui una con il seggiolino, e cominciamo a pedalare seguendo la cartina dell’isola dove sono segnalate tutte le spiagge.
La prima che vediamo è Cala Azzurra, mozzafiato ma impraticabile per noi perché la si raggiunge dopo una ripida discesa sulle rocce (vedi discorso riserva dello Zingaro).
Continuiamo la nostra pedalata ed arriviamo a Lido Burrone, che è anche la spiaggia in cui siamo rimasti tutto il giorno, perché dopo il bagno (ghiacciato) Nicolò si è addormentato e non ci siamo più mossi da li.
Ci è andata comunque benissimo, perché abbiamo saputo poi che quella era l’unica spiaggia di sabbia dell’isola, quindi perfetta per noi!
Le foto raccontano il paradiso in cui siamo stati quel giorno…

 

Marsala

Lo spritz al Mammacaura ha un sapore tutto nuovo davanti alle saline che si tingono di rosa e arancione con il sole del tramonto…
Per la cena ci spostiamo in centro a Marsala, al ristorante Acqua in bocca, che è uno di quei posti che vorresti avere vicino a casa per poterci andare tutte le volte che vuoi.
Ci rivedremo mai?

 

Selinunte

Questo tuffo nella Grecia del 600 avanti Cristo, camminando tra i resti dei templi ci ha affascinato moltissimo, complice una giornata stupenda ventilata di sole e cielo azzurrissimo.
E’ una di quelle cose che non si può descrivere, perché le parole non sarebbero sufficienti a rendere il senso di stupore che si prova già all’ingresso del parco, di fronte alla maestosità del primo tempio.
Diviso in due aree, è però facilmente percorribile con il passeggino solo la prima, in quanto il percorso che costeggia la costruzione è in terra battuta; per raggiungere la seconda area, le famiglie con bambini possono utilizzare la propria auto, in modo da parcheggiare comodamente vicino all’ingresso.
Qui però la visita ai resti dei templi è inaccessibile al passeggino a causa delle strade in pietra dissestate… consiglio quindi di munirsi di zaino porta bebè.

 

Scopello

Non ci sono cose particolari che ci hanno colpito in questo paese, anche se, quando meno te lo aspetti, dietro una curva, ti si aprono davanti agli occhi questi scorci…

 

Mazara del vallo

Mazara del vallo, bellissima città multietnica in cui si respira multiculturalità, apertura, integrazione.
Il centro storico, la Kasbah, caratterizzato da viuzze strette e tortuose che portano ai cortili delle case, è proprio un esempio di questa pacifica convivenza tra etnie e culture diverse.
Usciti da bellissime chiese, ci si trova di fronte a una moschea, e le vie della città sono abbellite dalle coloratissime ceramiche di Nicolò Cristaldi, il sindaco di Mazara, che mi sta già simpatico solo per questa vena artistica e per come è riuscito a rendere palpabile lo spirito di apertura della città.
Assolutamente da visitare, perdendosi tra vicoli, colori e profumi…

Arrivederci alla prossima vacanza… Londra!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sardegna: Costa Rei

IMG_9628 IMG_9661 DSC_0349DSC_0450

 

Giugno 2016

Ore 6 del mattino…la sveglia non ci è mai piaciuta cosi tanto!!
Guardiamo fuori dall’oblò del traghetto…mare, sole…siamo in Sardegna!
Il nostro appartamento è al residence Rey Beach Club, davvero un bel posto.
Le casette sono pulite, ordinate, essenziali; il nostro è un bilocale con cucina, angolo cottura, bagno, camera da letto e veranda per mangiare all’aperto…che fa tanto estate!
Ci siamo trovati cosi bene che d’ora in poi per le nostre vacanze cercheremo sempre residence, è la formula giusta per noi perché offre tutte le comodità per una famiglia con bambini.
Il minimarket per le spese dell’ultimo minuto, il ristorante se non si ha voglia di cucinare, e in questo caso inclusa nel prezzo c’era anche la spiaggia privata (meravigliosa come tutte le spiagge di Costa Rei), con ombrellone e due lettini.
Unica nota dolente per i nostri gusti… l’animazione del villaggio.
A noi piace che ci lascino tranquilli, e soprattutto in vacanza non abbiamo bisogno che qualcuno venga continuamente a chiederci se vogliamo giocare a pallavolo o bocce.
A noi piace goderci le nostre giornate in famiglia, in tranquillità…
La formula del residence per noi è stata perfetta anche perché Nicolò dorme ancora 2-3 ore dopo pranzo, e in spiaggia non riusciva ad addormentarsi.
Il caldo, il vento, la sabbia… non riusciva a dormire, e cosi organizzavamo le nostre giornate in questo modo. La mattina giravamo le varie spiagge che volevamo vedere e rientravamo in appartamento per pranzo, cosi dopo aver mangiato lui dormiva.
Al suo risveglio, visto che era troppo tardi per ripartire in macchina alla ricerca di nuove spiagge, stavamo in quella del residence.
Cosi siamo riusciti a goderci tutto in tranquillità e a vedere allo stesso tempo panorami mozzafiato!

DSC_0422 DSC_0425 DSC_0392 DSC_0409

La nostra Lonely Planet – Sardegna ci è stata molto utile, innanzitutto perché è stata lei a portarci al residence Rey Beach Club, e poi perché ci ha suggerito alcune delle spiagge da non perdere.

 

Spiaggia Santa Giusta

IMG_9859

DCIM100GOPROGOPR0854.

IMG_9703

Come spettacolo di colori, di questa e delle prossime spiagge, penso che non serva che aggiunga niente…le foto parlano da sole!
La spiaggia di Santa Giusta dista 10 minuti di macchina dal nostro residence, c’è un parcheggio gratuito (noi però siamo capitati in un periodo fortunato…gratis e quasi tutto libero! Ci hanno detto che da luglio la storia cambia…) e dal parcheggio alla spiaggia si cammina pochi minuti su un sentiero comodo anche per il passeggino.
La spiaggia è libera, senza chioschi e la distesa di sabbia è ampia… ma ripeto, noi siamo andati in un ottimo periodo! La gente in giro era davvero pochissima e si stava divinamente in tutti i posti che abbiamo visto.

 

Spiaggia Lo Scoglio di Peppino

DCIM100GOPROGOPR0990.

DCIM100GOPROGOPR0851.

IMG_9704 IMG_9706 IMG_9713

Questa spiaggia si raggiunge a piedi dalla spiaggia di Santa Giusta. Partendo da questa, si prosegue la strada oltre la statua (dalla statua la vista è spettacolare) e si arriva allo Scoglio di Peppino, anche stavolta con il passeggino senza particolare fatica.

Spiaggia Cala Sinzias

DCIM100GOPROGOPR0920.

DCIM100GOPROGOPR0898.

DCIM100GOPROGOPR0905.

Questa spiaggia dista dal nostro residence 15 minuti di macchina, all’arrivo si trova un parcheggio gratuito e da qui è impossibile proseguire con il passeggino, ma comunque scopriamo che non serve perché la spiaggia è proprio di fronte.
I colori del mare qui cambiano continuamente a seconda del sole… si passa dall’azzurro, al verde, al turchese…si rimane a bocca aperta per queste meraviglie della natura!
Abbiamo pranzato al Lido Tamatete, un chiosco sulla spiaggia che ci è piaciuto moltissimo!
Per i giochi per bambini al suo ingresso, la pulizia, la bellezza e la cura dei particolari e la bontà dei piatti. Consigliato!

 

Spiaggia Cala Pira

DCIM100GOPROGOPR0889.

DCIM100GOPROGOPR0875.

DCIM100GOPROGOPR0873.

IMG_9731

IMG_9800 IMG_9802 IMG_9803

Meraviglia delle meraviglie!
Questa spiaggia dista dal residence 20 minuti di macchina.
Direi che si è conquistata il titolo di  mia spiaggia preferita di questa vacanza…
Deserta (le magie di giugno), il mare una tavola piatta e trasparente, sabbia morbida e calda… SPLENDIDA!
Anche qui arrivare è stato semplice; parcheggio gratuito e 5 minuti a piedi attraverso un sentiero percorribile con il passeggino.

DCIM100GOPROGOPR0968.

DCIM100GOPROGOPR0965.La Sardegna regala panorami unici anche senza cercarli… te li trovi davanti improvvisamente, in macchina, dietro a una curva…
IMG_9813

 

Spiaggia Punta Molentis

DCIM100GOPROGOPR0975.

IMG_9811

DCIM100GOPROGOPR0980.

IMG_9783 IMG_9782

Punta Molentis dista dal residence mezz’ora di macchina.
Le foto parlano da sole vero?
Parcheggio gratuito e camminata di 10 minuti circa con il passeggino.
…santi papà che si caricano in spalla ombrellone, borsa frigo, borsa dei giochi… 😉

Spiaggia Porto Giunco

DCIM100GOPROGOPR1002.

35 minuti di macchina dal residence.
Come sempre per la descrizione lascio parlare la foto…
Parcheggio a pagamento (3 euro mezza giornata e 6 euro giornata intera), più camminata (per un pezzo con il passeggino al contrario per la presenza di sabbia) di 10 minuti.

 

IMG_9806

Per una cena speciale, altamente consigliato il ristorante Sa Cardiga e su pisci, noi ci siamo tornati due volte da tanto abbiamo mangiato bene!
Pesce ottimo, location elegante e soprattutto i camerieri hanno avuto l’accortezza di preparare il nostro tavolo vicino all’area giochi del ristorante.
Un angolo bellissimo per i bambini, completo di casetta, cucina e scatole piene di giochi. Nicolò, e noi, abbiamo molto apprezzato!
Vignola mare

IMG_9951 IMG_9961 IMG_9953 IMG_9955 IMG_9958 IMG_9956 IMG_9964

Visto che Roberto doveva andare per lavoro nel paese Vignola mare, l’ultimo giorno l’abbiamo trascorso in questo posticino tranquillo e silenzioso.
Con Nicolò nel marsupio Ergobaby,  abbiamo percorso il sentiero che dalla spiaggia porta alla torre.
Una camminata piacevole di un quarto d’ora sotto il sole tiepido delle sette di sera e calpestando una sabbia morbida come farina…
Peccato solo che la torre fosse chiusa! Quindi niente vista panoramica..

 

DCIM100GOPROGOPR0841.

DSC_0469 DSC_0493 DSC_0492 DSC_0490 DSC_0505 DSC_0512 DSC_0547 DSC_0556 DSC_0559

Ed eccoci arrivati alla fine delle due settimane di vacanza.
Ci portiamo a casa pelle ambrata e tanta felicità.
Il tempo passato insieme in famiglia è un bene cosi prezioso!
E allora…disfiamo le valigie e ci prepariamo alla prossima avventura!

Liguria: Le Cinque Terre e Camogli

DSC_1903DSC_1923DSC_1928

Marzo 2016

Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi.
Noi abbiamo deciso di andare in Liguria a visitare le cinque terre.
Siamo arrivati venerdì mattina a Levanto, dove abbiamo prenotato il b&b Le divine.
Eravamo nella stanza “Sophia Loren”… Bellissima! Nuovissima, arredamento moderno, pulitissima.
Ulteriore punto di forza, a poche centinaia di metri dal mare ma soprattutto dalla stazione dei treni, perfetto per noi che volevamo spostarci tutti i giorni per visitare le cinque terre.
Dopo un giro a vedere il mare (che spettacolo) e un pranzo in spiaggia con sua maestà LA FOCACCIA LIGURE, siamo andati in stazione per cominciare il nostro tour.
I biglietti del treno li abbiamo fatti online, cosi da evitare le code dovute al ponte pasquale.

 

Primo giorno: Monterosso

DSC_1971 DSC_1941 DSC_1939 DSC_1976

Levanto – Monterosso, 4 minuti di treno.
Abbiamo iniziato il nostro giro con Nicolò nel marsupio, perché in tanti ci hanno sconsigliato il passeggino, dicendoci che era inadatto a visitare le cinque terre.
In realtà, abbiamo abbandonato da subito l’idea perché Nico al pomeriggio dorme ancora 2-3 ore e risultava essere scomodo, sentivo la gente dietro di me tra l’altro che confabulava “ma poverino quel bambino che dorme cosi, sembra un sacco di patate”, quindi siamo tornati immediatamente al passeggino… d’altronde abbiamo capito da subito che il treno è comodissimo per spostarsi da un paese all’altro.
Monterosso è un paese molto grazioso, abbiamo passeggiato per i suoi caruggi, (il nome dei vicoli in ligure), fino ad arrivare alla statua del Gigante, sulla spiaggia di Fegina.

Secondo giorno: Vernazza e Corniglia
DSC_1984 DSC_2036
IMG_0170

Levanto-Vernazza, 8 minuti.
Che spettacolo di colori!
Complice una bellissima giornata di sole, Vernazza ci ha subito entusiasmato per le sue casette vivaci e l’acqua verde/azzurra.
Mi sarebbe piaciuto andare in cima alla scalinata per poterla fotografare dall’alto, ma ci volevano almeno mezz’ora/tre quarti d’ora di cammino e se anche avessimo messo Nicolò nel marsupio giusto per il tempo della salita, non avremmo saputo dove lasciare il passeggino.
Peccato, ci torneremo quando sarà più grande!
A Vernazza, il pranzo con la focaccia più buona di sempre… croccante, salata, unta… Il paradiso!!

DSC_2045 DSC_2050 DSC_2063 IMG_0173

Vernazza-Corniglia, 4 minuti.
La stazione di Corniglia dista dal centro del paese mezz’ora di camminata; è possibile arrivarci con un autobus navetta che passa ogni 5-10 minuti, ma noi anziché prenderlo abbiamo deciso di farci una passeggiata e non ce ne siamo pentiti!
Panorama spettacolare e clima stupendo!
Anche questo terzo paesino ci è piaciuto moltissimo, soprattutto per la vista mozzafiato che si ha dalla terrazza di Santa Maria.

Terzo giorno: Manarola e Riomaggiore
DSC_2089 DSC_2109 DSC_2114 DSC_2124 DSC_2126
Levanto-Manarola, 18 minuti.
Domenica era una giornata nuvolosa, ma questo non ha impedito di farci rimanere a bocca aperta alla vista di Manarola.
Osservi quel gruppo di case colorate arroccate sul mare e pensi a quanto sei fortunata a vivere in Italia… che meraviglia il nostro Paese!
Abbiamo iniziato a percorrere a piedi la Via dell’Amore, che collega Manarola a Riomaggiore, purtroppo però abbiamo scoperto dopo poco che era interrotta dall’ultima frana, quindi ci siamo diretti al treno.

 

IMG_0190 IMG_0176 DSC_2134 DSC_2147

Manarola-Riomaggiore, 2 minuti.
Quest’ultimo paesino è forse quello che ci ha entusiasmato meno, complici probabilmente i lavori iniziati e non finiti sulla strada principale del paese che hanno reso più complicata la nostra camminata.
Abbiamo apprezzato tantissimo invece l’idea del locale Street food Primo piatto, perfetto per una famiglia in viaggio senza orari e poter cosi mangiare senza doversi sedere sempre in un ristorante! Per Roberto trenette al pesto e per Nicolò tortelli con il ragù.
Io invece  mi son concessa un buonissimo fritto misto, sempre da asporto, da Tutti fritti; misto di pesce e verdure in pastella… gnam!

DSC_2154
DSC_2168 DSC_2172

Riomaggiore-Levanto, 20 minuti.
Domenica sera pioveva, e noi abbiamo passato la serata in camera con pizza d’asporto e uova di Pasqua!

Quarto giorno: Camogli

DSC_2181 DSC_2192 DSC_2197 DSC_2202 IMG_0200 DSC_2222

Colazione, e via verso casa, con tappa a Camogli.
Il tempo che minacciava pioggia ci ha regalato una delle visuali più belle di sempre!
Il contrasto tra il nero del cielo, con l’azzurro/verde del mare e i colori delle case illuminati dall’ultimo raggio di sole hanno creato una cartolina perfetta di questo bellissimo paesino.
Non avremmo potuto desiderare rientro migliore!