Toscana: Siena

DSC_1716 DSC_1713 DSC_1709
DSC_1707

 

Gennaio 2016

Ogni volta che progettiamo un nuovo viaggio, mi dico sempre “vabeh ci sono cosi tanti posti al mondo da vedere che non voglio assolutamente tornare due volte nello stesso”, ma puntualmente poi penso alla Toscana e…dai, in Toscana bisogna tornarci almeno una volta l’anno!
E cosi, il primo gennaio abbiamo caricato le valigie in macchina e siamo partiti per Siena.
Prima tappa, piazza del Campo, un panino in un bar all’aperto scaldati dal sole invernale, cullati dall’accento toscano, il cielo limpido e azzurro.
Mentre Nicolò mangiava e si guardava attorno curioso (gli piace tantissimo stare in mezzo alla gente; osserva le persone, si sofferma sui particolari, sorride quando vede arrivare qualcuno con un cane al guinzaglio…), noi leggevamo notizie sulla Torre del Mangia davanti a noi, chiamata cosi dal soprannome del suo primo custode, il “mangiaguadagni”, famoso per sperperare i suoi soldi nei piaceri della tavola.
Il pomeriggio abbiamo passeggiato per il centro e comprato panforte, specialità locale, in una bottega storica.
Verso sera, ci siamo recati nell’hotel che abbiamo prenotato per il weekend, l’hotel Terre di Casole, a Casole d’Elsa.
Ma che bello!!
La nostra camera, la Superior matrimoniale, era moderna, pulita, ordinata, con una veranda su un bellissimo giardino… I nostri vicini di stanza avevano due cani che giocavano sul prato e Nicolò si è divertito un sacco a guardarli!
Sappiamo che c’era la possibilità da li di accedere alla piscina, ma ovviamente noi visto il periodo non abbiamo potuto sfruttarla… D’estate quindi sarà tutto ancor più bello!

DSC_1724 DSC_1729
DSC_1754

Abbiamo cenato nell’accogliente ristorante dell’albergo, chiamato L’orto di Casole; l’orto è ben visibile fuori dalla vetrata, è ricco e curato in ogni minimo dettaglio e i piatti che vengono serviti sono arricchiti dagli ortaggi, gli aromi e le spezie qui coltivati.
I camerieri erano tutti giovani, simpatici e gentili.
Finita la cena, è possibile spostarsi nella sala relax, ricca di libri per tutti i gusti, giochi in scatola e fogli con pennarelli.
Sia a noi che a Nicolò è piaciuta molto!

DSC_1735 DSC_1736 DSC_1739 DSC_1743 DSC_1750

Il secondo giorno pioveva, quindi abbiamo deciso di dedicare l’intera giornata alla visita del Duomo di Siena.
Nel marsupio Ergobaby, Nicolò è stato comodo, protetto dall’acqua sotto l’ombrello nei vari spostamenti e ha potuto osservare tutto da vicino come noi.
Abbiamo comprato l’ OPA Si pass all inclusive, nella biglietteria vicino alla cattedrale, e questo ci ha dato la possibilità di visitare il Duomo, il Battistero di San Giovanni, la Cripta, il Museo dell’Opera e la terrazza panoramica del Facciatone (che avrebbe dovuto regalarci una visuale mozzafiato della città, peccato che fosse una giornata pessima, ed era praticamente tutto nascosto dal grigiume della nebbia!).
Beh, di tutta la giornata di sabato, ricordo la sensazione di meraviglia mista a ignoranza: avrei voluto un Vittorio Sgarbi tascabile che mi spiegasse tutto.

DSC_1763

La domenica, al nostro risveglio, la sorpresa di guardare fuori dalle vetrate dell’hotel e scoprire un panorama nascosto il giorno prima dal maltempo… le splendide colline toscane, uno dei motivi per cui come dicevo prima non si può non tornare in Toscana almeno una volta l’anno!
La giornata è trascorsa spensierata a Firenze in compagnia di amici fiorentini, infine il rientro a casa, sulle note degli U2.

Al prossimo viaggio!

** Vestiti di Nicolò – Zara e Next

2 commenti
  1. Paola
    Paola says:

    Amo la Toscana!! Avendo vissuto lì i miei anni universitari .. Direi che è la mia seconda casa!!!! Ma riguardarla con gli occhi di un bimbo .. Be direi che ti apre l’Anima…..vado a dare un occhiata su internet del vostro hotel !!! Grazie mille ❤️❤️

    Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *